Attenzione

Fallita eliminazione 98342bc89c215513144c1d4851e67a4e.png

Fallita eliminazione 7138a38063af05adc5359a4e7c8d01de.js

'Youth codes' dai punk ai rave nello spazio Materia di Roma

Roma, 17 mar. (AdnKronos/Insideart) - Inaugura il 18 marzo, e prosegue fino al 28 aprile, la mostra 'Youth codes'. L'esposizione ospitata dallo spazio romano Materia e curata dal gallerista Niccolò Fano insieme al fotografo Gianpaolo Arena, raccoglie due serie fotografiche dedicate alla controcultura giovanile fra gli anni Settanta e Ottanta.

Karen Knorr e Olivier Richon firmano il lavoro 'Punks', incentrato sul genere musicale inglese rappresentato nel momento della sua affermazione: fotografie in bianco e nero, illuminate dal flash, bloccano una generazione disperata che aveva perso fiducia nel futuro. Discorso simile per la seconda serie in mostra, 'Colossal youth' di Andreas Weinand. La serie e ambientata negli anni Ottanta quando il punk aveva esaurito la sua carica rivoluzionaria e i giovani cercavano risposte nella musica elettronica e nei festival che da lì a poco sarebbero sfociati nella cultura rave.

Emergono chiare le corrispondenze fra la ricerca dei tre fotografi e la coeva estetica fotografica che reagiva al concettuale, puntando su un'arte più intima che ha trovato poi in Nan Goldin la sua più famosa interprete.

  • partner-1
  • partner-2
  • partner-3
  • partner-4

Chi Siamo

Museionline è un progetto nato dalla stretta collaborazione tra il gruppo Microsoft e la AdnKronos Cultura. L’obiettivo comune, è quello di creare un efficiente portale di informazione, costantemente aggiornato sul mondo dell’arte, in tutte le sue più belle e affascinanti sfumature.

Newsletter

Social